ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI


Home

L'ORGANIZZAZIONE.

IL TEMPO SCUOLA

LE SCELTE EDUCATIVE.

LE SCELTE  METODOLOGICHE


L'OFFERTA FORMATIVA:

I  LABORATORI

RAPPORTI  SCUOLA – TERRITORIO.

CONTINUITA’ TRA GLI ORDINI SCOLASTICI

ORIENTAMENTO.

EDUCAZIONE  ALLA  SALUTE.

EDUCAZIONE ALLA SOLIDARIETÀ e ALLA COOPERAZIONE.

INSEGNAMENTO  DELLE  LINGUE  STRANIERE.

ATTIVITÀ SPORTIVA E MOTORIA.

INSEGNAMENTO  DELLA  RELIGIONE  CATTOLICA

ACCOGLIENZA ED INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA

INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE DI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA  VALUTAZIONE
PROGETTO D'ISTITUTO

LE SCELTE METODOLOGICHE

Le scuole dell’Istituto accolgono ragazzi tra i 6 e i 14 anni, periodo dell’età evolutiva durante il quale si rafforzano il sentimento di identità e quello di appartenenza al gruppo e alla comunità.

La maturazione personale avviene attraverso le esperienze con la presa di coscienza di sé, la sedimentazione delle conoscenze, l’acquisizione di competenze, la formazione delle idee, l’evoluzione dei sentimenti e dello spirito critico.

La maturazione di una chiara identità culturale consente lo sviluppo di certezze e la capacità di affrontare un futuro da adulti consapevoli e responsabili di sé e del proprio ruolo.

Gli adulti, l’ambiente e le Istituzioni fungono da catalizzatori nel processo di crescita degli alunni: sono decisivi nel proporre modelli educativo-comportamentali e valori con i quali l’individuo possa confrontarsi.

I molteplici aspetti della personalità, la complessità delle problematiche da affrontare, la continua evoluzione della società e delle sue forme di aggregazione, la ricerca di un ruolo e di un’identità da parte delle giovani generazioni pongono dunque i Docenti di fronte a scelte progettuali che diano risposte esaurienti ai bisogni psicologici, relazionali, cognitivi e sociali degli alunni.

La scuola, nel presentare la propria offerta formativa intende sottolineare e rivendicare:

  • un ruolo prioritario quale agenzia educativa in grado di affrontare, per gli strumenti e le competenze di cui dispone, i bisogni dell’ alunno come “persona”;

  • un ruolo sociale in quanto luogo nel quale le dinamiche relazionali possono evolversi e trovare positiva realizzazione;

  • una funzione di stimolo e coordinamento dei percorsi trasversali alle agenzie educative presenti sul territorio per la fruizione delle risorse e del patrimonio culturali;

  • la capacità di proporre modelli di studio e metodologie di analisi dei fenomeni sociali;

  • un ruolo primario di mediatore culturale nella diffusione della scienza e della conoscenze e nell’utilizzo delle fonti per lo studio e la ricerca.

L’Istituto pone particolare attenzione agli aspetti metodologici sia nelle attività con gli alunni che nelle proposte formative rivolte all’esterno.

* Nell’Istituto viene privilegiato l’aspetto collegiale della progettazione educativo-didattica all’interno dei team delle singole scuole, a livello di Collegio Docenti e nei Dipartimenti di area; questo allo scopo di affinare le competenze progettuali e didattiche dei docenti e permettere una significativa condivisione della progettazione e degli strumenti per raggiungere le finalità comuni.

Tale modo di operare promuove l’unitarietà del processo formativo e favorisce l’interdipendenza e la complementarietà tra le discipline

* L’azione didattica che voglia essere incisiva deve porre particolare attenzione ai processi e ai ritmi di apprendimento individuali e rispondere agli effettivi bisogni culturali degli alunni. La scuola privilegia così le strategie e le metodologie che stimolano l’interesse e la partecipazione di ogni alunno al processo di apprendimento, cogliendo temi ed argomenti dal quotidiano, dal mondo e dagli interessi dei ragazzi, affrontando le loro problematiche e i loro bisogni relazionali.

* Sono prevalentemente utilizzati modelli di gestione dell’attività didattica che favoriscono la motivazione allo studio, l’autoapprendimento, l’acquisizione di un metodo di studio e il successo nel percorso di formazione scolastica.

* La didattica per laboratori cerca di rispondere ai bisogni di individualizzazione dell’insegnamento; si tratta di progetti di recupero e consolidamento delle competenze degli alunni che vengono realizzati in particolare, ma non esclusivamente, durante le ore di compresenza degli insegnanti o nelle attività facoltative opzionali. I progetti che riguardano le nuove tecnologie vengono destinati all’alfabetizzazione informatica e all’apprendimento.

* La scuola utilizza strumenti propri valorizzando le competenze e le risorse interne, ma rivolge anche particolare attenzione all’esterno, cogliendo tutti gli aspetti socio culturali e ambientali in senso lato, che divengono così strumento ed oggetto di studio, riflessione ed approfondimento.

L’ambiente nei suoi aspetti storici, fisici, socio culturali è stimolo all’analisi, alla riflessione, allo studio così come raccomandato dai Piani di Studio provinciali.

Il tentativo di inserimento e integrazione nel mondo degli adulti avrà possibilità di successo solo se saranno significative le esperienze che gli alunni condurranno: l’attenzione al mondo associativo, sportivo, alle agenzie culturali, agli Enti, la collaborazione con essi e la promozione di attività comuni sono obiettivi consolidati del nostro Istituto e sono elemento di coesione sociale e di crescita culturale.

* Anche il mondo della “comunicazione”, oltre che offrire nuovi strumenti tecnologici, propone occasioni per un allargamento degli orizzonti culturali e per approfondimenti su avvenimenti, processi e modificazioni socio-politiche in atto, vicino e lontano da noi. Per favorire negli alunni la consapevolezza che il sapere è conquista continua e mai definitiva, risultante dall’integrazione di conoscenze parziali e settoriali, è importante costruire l’unitarietà del sapere favorendo i collegamenti interdisciplinari e promuovendo l’acquisizione di competenze trasversali.

Alla luce di queste scelte educative e metodologiche l’Istituto propone così un piano progettuale assai articolato che si rivolge agli alunni, alle loro famiglie e al territorio; qualifica la propria offerta formativa operando negli ambiti che di seguito vengono illustrati.

Inizio pagina