ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI


Home

L'ORGANIZZAZIONE.

IL TEMPO SCUOLA

LE SCELTE EDUCATIVE.

LE SCELTE  METODOLOGICHE


L'OFFERTA FORMATIVA:

I  LABORATORI

RAPPORTI  SCUOLA – TERRITORIO.

CONTINUITA’ TRA GLI ORDINI SCOLASTICI

ORIENTAMENTO.

EDUCAZIONE  ALLA  SALUTE.

EDUCAZIONE ALLA SOLIDARIETÀ e ALLA COOPERAZIONE.

INSEGNAMENTO  DELLE  LINGUE  STRANIERE.

ATTIVITÀ SPORTIVA E MOTORIA.

INSEGNAMENTO  DELLA  RELIGIONE  CATTOLICA

ACCOGLIENZA ED INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA

INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE DI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA  VALUTAZIONE
PROGETTO D'ISTITUTO

RAPPORTI SCUOLA – TERRITORIO

* Ricerca d’ambiente

La ricerca ambientale intende promuovere negli alunni la conoscenza del proprio territorio: la storia, gli aspetti fisico-scientifici, la sua evoluzione e le forme dell’intervento umano, la popolazione, gli aspetti economici e statistici, le forme associative ed istituzionali. Coinvolgere persone e realtà vicine ai ragazzi e alla scuola consolida il senso di appartenenza alla comunità e stimola la volontà di essere partecipi della vita sociale.

Nella scuola il territorio è visto come risorsa alla quale attingere per la conquista di un sapere sempre più sistematico, formativo anche dal punto di vista metodologico: l’acquisizione di un metodo di studio scientifico che partendo da osservazione diretta, analisi ed ipotesi giunga, attraverso la sperimentazione e la ricerca, alla verifica e alla formulazione di leggi e sintesi significative.

Dal punto di vista operativo la ricerca si attua attraverso numerose attività:

- uscite esplorative sul territorio per un contatto diretto con gli ambienti naturali;

- visite a centri storici, musei, raccolte d’arte, castelli, ville, parchi naturali ed archeologici;

- raccolta di immagini,documentazioni, dati materiali ed archivistici;

- viaggi di istruzione, anche in ambito extraprovinciale, che allargano l’orizzonte culturale, permettono di stabilire comparazioni e forniscono strumenti per la valorizzazione del patrimonio locale.

- visite ad impianti produttivi, a cooperative, aziende agricole e botteghe artigianali;

- incontri con “esperti” ed interviste a “testimoni privilegiati”.

La ricerca d’ambiente coinvolge tutte le aree disciplinari: si configura come modello metodologico ed elemento unificante nel processo di apprendimento delle conoscenze.

* Collaborazioni con Associazioni ed Enti

La realtà associativa della Valle dei Laghi è assai ricca ed articolata; è radicata nel tessuto sociale e risponde a bisogni individuali e collettivi, materiali e di natura psico-affettiva, spirituale, ludico-ricreativa e culturale. Il nostro Istituto, quale agenzia aperta al territorio ed attenta agli stimoli esterni, sostiene e favorisce la diffusione di tali forme di aggregazione veicolando negli alunni la conoscenza della loro operatività e realizzando attività in collaborazione con esse.

Sono presenti numerose Associazioni:

  • Associazioni musicali, bande sociali, cori (supporto didattico, spettacoli)

  • Gruppi culturali e di animazione teatrale (supporto didattico, mostre, ricerche)

  • Pro Loco e Associazioni giovani e pensionati (manifestazioni, sostegno nel tempo libero, feste ecologiche e manifestazioni, prolungamento del tempo scuola)

  • Associazioni sportive (corsi e manifestazioni, utilizzo di strutture logistiche)

  • Associazione Genitori (formazione ed educazione permanente)

Gli Enti istituzionali sono forme di riferimento forte per la Comunità e per l’Istituto che da anni mantiene con essi collaborazioni significative:

  • Croce Rossa, Vigili del Fuoco, Protezione Civile (interventi di educazione e sensibilizzazione alla sicurezza)

  • Amministrazioni Comunali e Parrocchie (progetti educativi, supporto informativo alla ricerca, feste ecologiche,…)

  • Musei di Trento (M. Scienze Naturali , Vescovile, Museo Caproni e Mart: uscite didattiche, attività fuori sede, mostre, esperti sul territorio).

  • Istituti di Credito (sostegno finanziario a molteplici attività, promozione del risparmio nei suoi vari aspetti).

  • Biblioteche ed archivi (comunali e parrocchiali): Biblioteca intercomunale di Vezzano, Padergnone e Terlago; La Biblioteca intercomunale di Cavedine collabora con il Plesso scolastico di Sarche in attività di animazione alla lettura ed incontri con autori.

  • Teatri comunali e intercomunale.

* Biblioteche intercomunali di Vezzano e Cavedine

Le Biblioteche intercomunali di Vezzano e Cavedine coprono tutto il territorio su cui è ubicato l’Istituto e sono agenzie culturali di primaria importanza; la collaborazione con le scuole dell’Istituto prevede percorsi e progetti di sensibilizzazione e stimolo alla lettura.

L’abilità della lettura è competenza fondamentale nel processo di apprendimento: “saper leggere” dà facoltà di accesso alle fonti di informazione e una lettura scorrevole favorisce la comprensione quindi l’approfondimento e lo studio. Abilità trasversale alle discipline scolastiche, quale funzione metacognitiva non esaurisce la sua azione in età scolare, ma si ripropone durante tutta la vita stimolando il piacere, la creatività e i processi intellettivi.

L’Istituto riserva particolare attenzione alle dotazioni librarie a disposizione delle scuole e degli alunni sia nel campo della narrativa che della consultazione per la ricerca e l’approfondimento disciplinare; collabora inoltre con le Biblioteche intercomunali concordando iniziative rivolte sia agli alunni che agli adulti.

Vengono programmati, in biblioteca, percorsi didattici di stimolo alla lettura e di avvicinamento al fantastico mondo del libro. Le attività, rivolte a diverse fasce d’età, si propongono importanti finalità sia formative ed educative che strumentali:

  • favorire l’approccio ludico alla lettura e potenziare la capacità di ascolto;

  • potenziare le capacità di lettura autonoma ;

  • introdurre all’analisi critica);

  • avvicinare ai generi letterari e manipolare il testo;

  • contrastare la disaffezione alla lettura veicolandone un’immagine positiva e stimolante; promuovere la lettura approfondita;

  • educare all’affettività., alla conoscenza di sé, all’espressione delle proprie emozioni attraverso l’ascolto e la creatività:

  • promuovere il lavoro dei bambini attraverso l’allestimento di mostre a tema e l’esposizione degli elaborati.

Progetti specifici, di anno in anno, presentano percorsi accattivanti che suscitano il piacere di leggere.

La promozione della lettura come “educazione permanente” è invece un progetto rivolto agli adulti attraverso incontri con psicologi ed esperti di letteratura per ragazzi.

Inizio pagina