logo istituto

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

REGOLAMENTO DELL'ISTITUZIONE

Indice

Lettera A

Lettera B

Lettera C

Lettera D

Lettera E

Lettera F

Lettera G

Lettera H

Lettera I

Lettera L

Lettera M

Lettera N

Home

Lettera I – Iscrizione alunni – Criteri di priorità

Ordine di accoglimento delle domande di iscrizione:

1. RESIDENTI  NEL  PAESE

2. RESIDENTI  NEL  COMUNE
Si darà priorità alle seguenti condizioni:

  • altri figli iscritti alla scuola richiesta;
  • lavoro di entrambi i genitori documentato con dichiarazione dei datori di lavoro o con dichiarazioni autenticate;
  • a parità di condizioni si procederà per sorteggio

3. RESIDENTI FUORI COMUNE

Ai residenti fuori Comune verranno applicate le priorità sopra riportate riferite ai residenti nel Comune  fino a esaurimento dei posti disponibili.

La richiesta di iscrizione in una scuola di zona di utenza diversa da quella ove risiede la famiglia  dell’alunno, comporta la preventiva accettazione scritta delle seguenti condizioni:

1.

I genitori si assumono l’onere di provvedere personalmente al trasporto del figlio.

 

All’uscita da scuola, al termine delle lezioni il ritiro del figlio dovrà essere fatto personalmente dai genitori.
Qualora per motivi vari (familiari, personali ecc...) il genitore non possa provvedere personalmente al ritiro del figlio la persona delegata a ciò dovrà essere autorizzata per iscritto dai genitori e la delega dovrà essere consegnata agli insegnanti.

2.

L’alunno deve giungere e partire da scuola nel rigoroso rispetto degli orari delle lezioni.

3.

I genitori devono provvedere a ritirare o ad accompagnare a scuola il figlio all’ora comunicata in caso di assemblea sindacale degli insegnanti in orario di lezione;

4.

I genitori devono provvedere a verificare la presenza dell’insegnante di classe in caso di proclamazione di sciopero del personale insegnante e a trattenere il figlio a casa in caso di adesione allo sciopero da parte dell’insegnante;

5.

I genitori o altri parenti si devono prendere l’impegno di intervenire subito in caso di indisposizioni o di malessere accusati dal figlio durante le lezioni;

6.

L’accettazione di un alunno non comporta poi il diritto all’accettazione nella medesima scuola di altri fratelli minori o maggiori d’età.

 

 

 

 

Inizio Pagina